Giovedì 30/06/2022
Home   ‐   Top News  ‐   News  ‐   Altre Notizie  ‐   Risultati
Ore 06:07
Classifica  ‐   Prossimo Turno  ‐   Video  ‐   Le Altre Squadre  ‐   La Serie C
Pisa-Ternana: un match che vedrà in campo molti giocatori di spicco e "duelli" interessanti
Nell'articolo che segue il quotidiano "La Nazione" ha analizzato il match Pisa-Ternana alla vigilia della gara. "Due percorsi differenti - scrive il giornale toscano - ma il medesimo obiettivo: centrare la vittoria attraverso il gioco. Pisa e Ternana sono due formazioni tra loro molto differenti, che però nel Dna hanno la tendenza a non snaturarsi mai, neppure di fronte alle gare tatticamente più complicate. I risultati, senz’ombra di dubbio, per il momento danno ragione al progetto allestito da mister D’Angelo, ma guai a ritenere l’organico guidato da Cristiano Lucarelli inferiore rispetto ai nerazzurri. Perché la Ternana nelle ultime cinque trasferte di campionato ha saputo imporre il pareggio a fior di avversari: Lecce, Frosinone e Brescia, senza dimenticare l’1-1 nel sentitissimo derby di Perugia. Segno evidente che il 4-3-2-1 con cui il tecnico labronico ha ridisegnato la sua squadra sta portando i frutti sperati: una costante pericolosità offensiva abbinata a un nuovo bilanciamento in fase difensiva. Di conseguenza la gara tecnicamente squilibrata a cui assistemmo nel match di andata, con il Pisa completamente padrone al "Liberati", non si ripeterà domani all’Arena Garibaldi. Anche perché la Ternana può contare sull’ottimo momento di forma di diversi interpreti che daranno vita a duelli interessanti in ogni zona del campo. A partire dalle corsie laterali, dove la freschezza di Birindelli e Beruatto (45 anni in due) si incrocerà con l’esperienza di Defendi e Martella (67 anni la somma delle loro età). Sulle fasce - continua il quotidiano toscano - si combatterà a colpi di accelerazioni e scambi in rapidità con gli interni di metà campo, senza mai dimenticare di guardarsi alle spalle: sia da parte pisana che sulla sponda rossoverde gli inserimenti dalle retrovie sono un’arma offensiva spesso ricercata. Per Beruatto il lavoro sarà duplice, in tandem con Caracciolo al centro della difesa, perché dalle sue parti incrocerà Anthony Partipilo, spauracchio numero uno delle Fere rossoverdi: l’esterno mancino finora ha collezionato 4 gol e ben 10 assist vincenti per i compagni. È l’uomo che accende la luce dell’attacco ternano in assenza del trequartista Falletti, ancora alle prese con dei fastidi fisici. Il duello che invece caratterizzerà l’area di rigore nerazzurra - conclude l'articolo -, vedrà protagonisti Leverbe e Pettinari: l’ex Lecce sta ritrovando lo smalto dei periodi migliori, viene dal gol alla Reggina e cercherà di ripetersi anche all’Arena. Dalla parte opposta attenzione all’incrocio tra Sorensen e Torregrossa: all’andata l’ex centrale delle Juve uscì col mal di testa dopo il 'trattamento' riservatogli da Lucca. Il danese in marcatura è arcigno, ma se viene attirato fuori dall’area di rigore va in difficoltà: il numero 10 nerazzurro potrebbe agire da grimaldello per scardinare il bunker umbro e consentire gli inserimenti di Sibilli, che scalpita per ritrovare una maglia da titolare dopo aver smaltito completamente il virus gastrointestinale, e dell’ariete Puscas".
(Fonte "La Nazione" edizione di Pisa dell'11 febbario 2022 - Foto presa dal sito del Comune di Pisa).
12/2/2022 ore 10:15
Torna su